Il punto sui collaboratori continuativi e stabili nelle imprese aggiudicatarie di appalti pubblici

Una delle questioni più dibattute in giurisprudenza e nella prassi applicativa degli appalti pubblici concerne l’art. 105, comma 3, lett. c-bis), d.lgs. n. 50/2016 (Codice dei contratti pubblici) (previsione inserita dall’art. 60, comma 1, lett. c) d.lgs. 19.4.2017, n. 56), secondo cui “Le seguenti categorie di forniture o servizi, per le loro specificità, non si configurano come attività affidate in subappalto: … c-bis) le prestazioni rese in favore dei soggetti affidatari in forza di contratti continuativi di cooperazione, servizio e/o fornitura sottoscritti in epoca anteriore alla indizione della procedura finalizzata alla aggiudicazione dell’appalto. I relativi contratti sono depositati alla stazione appaltante prima o contestualmente alla sottoscrizione del contratto di appalto.”  

Dettagli

Claim green ed etici: cosa sapere per poter dare un’informazione corretta ai consumatori

Claim green ed etici: cosa sapere per poter dare un’informazione corretta ai consumatori su tematiche di grandissimo interesse (es: sostenibilità ambientale del processo produttivo e delle materie prime; rispetto dei diritti dei lavoratori; welfare animale; ecc.) senza il rischio di incorrere in una pubblicità ingannevole sanzionabile dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato – AGCM.

Dettagli

Emissioni odorigene. Facciamo il punto

Un sistema complesso quasi inafferrabile che trova pochi riferimenti normativi e una tutela blanda. E’ indubbia la difficoltà anche tecnica di rilevamento delle emissioni odorigene per loro natura spesso discontinue, legate alla sensibilità di coloro che subiscono; sensibilità che tende anche ad assuefarsi. La tutela normativa è blanda e si disperde in qualche articolo del codice penale (art. 674 c.p.) e nell’art. 844 c.c.  a cui si aggiunge l’intervento amministrativo di controllo delle i/emissioni.

Dettagli

Diritti e doveri delle imprese alimentari durante i controlli

Quando un’azienda del settore alimentare riceve una visita a sorpresa dei Carabinieri del NAS o di altre autorità competenti ad effettuare i controlli ufficiali, scatta il panico, o la frustrazione, o un atteggiamento di ostilità, finendo per commettere errori o per aggravare la propria posizione.
Ecco dunque un breve vademecum sulle corrette modalità di gestione di una simile evenienza.

Dettagli